Notizie su Pokémon Sole e Luna

Notizie su Pokémon Sole e Luna

Durante la giornata del 10 maggio, pochi giorni fa, i nomi italiani che corrispondono come sempre a quelli delle versioni inglesi, dei Pokémon iniziali di Pokémon Sole e Luna sono Rowlet, Litten e Popplio mentre nella versione giapponese sono rispettivamente chiamati Mokuroh, Nyabby e Ashimari. Oltre ad aver annunciato i nomi dei tre starter di Pokémon Sole e Luna è uscito anche il primo trailer ufficiale dove ci vengono mostrati alcuni personaggi (tra cui sembrerebbe esserci anche il nuovo professore, che si dovrebbe chiamare Kukui anche se più avanti nel video è un’altra persona a consegnare gli starter al protagonista e quindi non ne sono certo, ma penso comunque che Kukui sia il professore ), ovviamente i tre starter della regione dove si svolgerà l’avventura e anche i due leggendari principali (di cui però non sappiamo ancora il nome). Il nome della nuova regione del mondo Pokémon è Alola, che è riconducibile alle Hawaii. Nel video ci è stata mostrata solo una piccola isoletta, ma probabilmente – come del resto la sua controparte nel mondo reale – Aola sarà formata da più isole che saranno sede dei vari percorsi, città e palestre. Nel video di presentazione compare anche una ragazza misteriosa ed un giovane allenatore dalla carnagione scura, probabilmente uno dei due sarà il rivale del protagonista (oppure potremmo trovarci come in Pokémon X e Y con più allenatori che durante il corso dell’avventura ci sfideranno). Nota importante: a quanto pare sarà possibile anche questa volta personalizzare il proprio personaggio.

La data di uscita di Pokémon Sole e Luna in Europa è il giorno 23 novembre 2016 ed ovviamente sarà giocabile su tutte le console della famiglia Nintendo 3DS.

Inizialmente ero scettico su tutti i tre gli starter, ma dopo un giorno di riflessione ho rivalutato Rowlet (il gufetto Erba-Volante che ho anche disegnato) e anche Litten. No, Popplio ed i due leggendari dal nome ignoto proprio no, non mi piacciono.

rowlet

Precedente HHD Home Tour 05 Successivo Recensione Tarma Art