Recensione Animali Fantastici [NO SPOILER]

Recensione Animali Fantastici e Dove Trovarli

Finalmente sono riuscito a trovare un po’ di tempo per recensire Animali Fantastici, perché da quando sono andato al cinema a vederlo ho avuto una serie di impegni e di articoli già prefissati che mi hanno impedito di lavorare a questo articolo. Premetto che questo film mi è piaciuto e che lo ritengo migliore rispetto agli ultimi della saga di Harry Potter ed ora vi spiegherò il perché.

vlcsnap-2016-11-13-10h35m07s574

Gli effetti speciali sono davvero tantissimi, questo motiva pienamente il fatto che questa pellicola sia stata annunciata parecchio tempo fa, visto che il lavoro di post registrazione (o si dice post produzione? Scusate questa incertezza) deve essere stato enorme. La cosa importante è che siano stati fatti bene, infatti sembravano perfettamente integrati con il resto delle scene. Un particolare merito va dato a chi si è occupato dell’interno della valigia di Newt perché era fantastica, non solo in quanto effetti speciali spettacolari ma proprio come idea di fondo.

Per assurdo in Animali Fantastici e dove trovarli il personaggio che mi ha convinto di meno è stato il protagonista: Newt Scamander. Ciò non vuol dire che il suo rapporto con le creature magiche non mi sia piaciuto, anzi ho trovato adorabili le scene con gli Asticelli e con lo Snaso. Redmayne è stato fantastico come attore, ma ciò che non ho gradito è il fatto che non hanno voluto raccontarci la storia di Newt, però hanno continuato a lasciare appigli spargendoli per tutto il film. Una cosa o non la si fa oppure la si fa per bene, accennare ai suoi viaggi del passato, alla sua permanenza ad Hogwarts ed ai suoi parenti non equivale a raccontare la storia del personaggio. Presumo che questo sia stato fatto perché hanno intenzione di approfondire questi argomenti nei film futuri, ma comunque non mi è sembrata un’idea geniale lasciare un così grande numero di appigli per narrazioni senza sfruttarne mezzo durante la durata del film.

Tornando a parlare delle creature magiche che si sono viste all’interno di Animali Fantastici e dove trovarli devo rivelarvi che il mio preferito è Dugal il Demiguise. È adorabile, sembra una vecchietta che fa da babysitter all’Occamy che sarebbe al secondo posto della mia classifica, perché è giustospazioso. Ovviamente al terzo posto metto lo Snaso, se avete visto il film capirete benissimo che non può non comparire in una classifica di preferenza.

Tra tutti gli altri personaggi quello che ho amato di più è stato quello di Queenie, era bellissima e adorabile. Faceva davvero molta tenerezza ed era perfetta con il tema degli anni 20 (anche se mi sa che era ambientato negli anni 30, ma dettagli) a New York. Alison Sudol è stata magnifica nella sua interpretazione e nella versione italiana Gemma Donati ha fatto un ottimo lavoro come doppiatrice. Ovviamente quando ho sentito la voce di Simone D’Andrea ho iniziato ad importunare chi mi stava affianco, ma devo dire che Colin Farrell è stato bravissimo, quindi anche la versione originale sarà sicuramente ben fatta. Ezra Miller mi ha convinto un po’ meno, ma non è stato malaccio, diciamo che mi sarei aspettato di più anche viste le potenzialità del suo personaggio. Dan Fogler è stato un personaggio molto simpatico, la sua introduzione è stata molto azzeccata, peccato per il finale ma la speranza è sempre l’ultima a morire.

Premetto che non sono un esperto, che non me ne intendo e che non voglio far credere il contrario. Però mi auguro vivamente che Yates durante i quattro sequel di Animali Fantastici e dove trovarli perda il vizio delle scene con assenza di luce, dei margini sfocati e dei primi piani allucinanti.

Spero che questo film vi sia piaciuto se già lo avete visto, o di avervi incuriosito se ancora non siete andati al cinema. Io ve lo consiglio caldamente, soprattutto se siete dei fan di Harry Potter. L’atmosfera è molto simile, la colonna sonora anche però la storia è nuova, fresca e ci regala un nuova serie spin-off da seguire senza conoscere ciò che accadrà perché è tutto nuovo.

Salva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*